Posts Tagged ‘Tuono Pettinato’

Enigmi dal vivo

martedì, 5 marzo 2013 - 09:14

Siete di Roma e dintorni? Molti dei misteri suddetti saranno spazzati via Sabato 16 marzo, presso l’imprescindibile Libreria Assaggi (che in mancanza del Nobel per la divulgazione e l’intrattenimento scientifico, dovrebbe prendersi un Caccioppoli Award, appena lo istituiranno). Performance musicali e recitative dal vivo non avranno più misteri per voi, e ne resterà uno solo: quello insondabile di Alan Turing. Lo sanno bene Francesca Riccioni e Tuono Pettinato, autori di uno dei (non molti) libri più accattivanti e azzeccati sul più bistrattato e malinconico genio del XX secolo (e non sarà un caso che è a fumetti).
Siateci!

ENIGMA – La strana vita di Alan Turing

giovedì, 22 novembre 2012 - 18:24

A NEW FB PAGE IS NOW DEDICATED TO THIS FINE BOOK BY WRITER FRANCESCA RICCIONI AND ARTIST TUONO PETTINATO. A GOOD REASON TO LEARN ITALIAN IF STILL “il bell’idioma” / “the beautiful language” ELUDES YOU (AS IT DOES WITH SO MANY ITALIANS).
AND YES, IT’S ABOUT ALAN TURING, HIS ECLECTIC GENIUS AND HIS TORMENTED, MELANCHOLIC LIFE.

LUCCA COMICS AND SCIENCE 2012 – THE AFTERMATH

lunedì, 19 novembre 2012 - 14:06

La faccio breve e linko solo questo intervento sull’oggetto del post, il mio giocattolone preferito di quest’anno, che Gianluigi Filippelli ha scritto per LoSpazioBianco (ultimo solo in ordine di tempo e tra i primissimi posti per documentazione e spazio che riserva all’argomento; c’è anche un’intervista a Roberto Natalini, mio complice nella produzione del giocattolone suddetto).

LUCCA 2012 – Lucca Comics and Science 2012[7]

venerdì, 19 ottobre 2012 - 07:30

Un’autentica meraviglia! Della Scienza naturalmente. Maestro Tuono Pettinato, autore insieme a Francesca Riccioni dell’imminente ENIGMA – La strana vita di Alan Turing (Rizzoli-Lizard), ci omaggia non solo di un paio di egregie tavole dall’opera in questione, ma anche della deliziosa chicca che troverete a seguire.
Ovviamente dovreste già conoscerli entrambi e che Tuono – come tutti noi fedeli e ammiratori lo chiamiamo, suscitando sguardi stralunati in pubblico – e la sua complice di libro a fumetti siano tra i relatori dell’incontro a chiusura di Lucca Comics and Science 2012 è importante ma non indispensabile per il nostro entusiasmo: Tuonissimo (e scusate la confidenza) è una delle voci a fumetti più brillanti e originali degli ultimi anni, capace di far ridere con una raffinatezza che prima di lui in questo paese sarebbe stata sprecata.
Ora idem, però ci divertiamo di più.

• • •

Da ENIGMA – La strana vita di Alan Turing

• • •

• • •

• • •

LUCCA 2012 – Lucca Comics and Science 2012[4]

venerdì, 12 ottobre 2012 - 09:00

Francesca Riccioni è una editor specializzata in pubblicazioni scientifiche, laureata in fisica a Pisa. Per Lucca Comics and Science partecipa a due incontri: quello di giovedì 1 novembre sulla divulgazione della scienza e naturalmente quello di sabato 3 novembre su Alan Turing.
“Naturalmente” perché insieme al talentuosissimo Tuono Pettinato (anche lui della partita, ça va sans dire) è autrice di ENIGMA – La strana vita di Alan Turing (Rizzoli-Lizard), volume a fumetti di prossima uscita sulla  vita tormentata e per certi versi struggente del geniale matematico inglese, padre fondatore della moderna informatica, dell’idea stessa di “intelligenza artificiale” e di un bel po’ di altre cose. Francesca ci invia alcune considerazioni sulla scienza che insieme agli relatori svilupperà nel corso dei due incontri.

Il mondo della scienza è ricco di storie umane e offre spunti di indagine psicologici e giornalistici che non hanno nulla da invidiare alla letteratura di massa. Traslare la scienza su un piano letterario la libera della sua impenetrabilità; il tradizionale aspetto didattico e specialistico è veicolato dalla narrazione e viene percepito come un evento collaterale, un erudito cammeo che entra in relazione con il fruitore in maniera indiretta, senza che siano necessarie particolari nozioni scientifiche. In questo modo, al pubblico è possibile recepire il contenuto scientifico su vari livelli: dalla consapevolezza dello stakeholder alla sorpresa dell’incuriosito beginner, chiunque può leggere la scienza sotto una luce nuova. (Francesca Riccioni)

Combed Thunder strikes again

sabato, 6 ottobre 2012 - 20:58

Me in Pisa, cooking things up with (left) computer scientist Giovanni Cignoni (Pisa University). All the while (right), cartoonist supreme Andrea Paggiaro, aka Tuono Pettinato (“Combed Thunder”), and science editor and scriptwriter Francesca Riccioni graciously wait for the TURING panel to begin.
Their upcoming graphic novel Enigma – La strana vita di Alan Turing is about the life and times of mathematical genius Alan Turing, and is well worth any sum you’d be willing to pay for a book.
My word on it.

Magnifici, pettinatissimi lavaggi

giovedì, 24 novembre 2011 - 17:00

Tuono Pettinato – ormai si sa – è uno degli Spiriti Nobili del nostro fumetto, dall’arguzia sagace e gioiosamente prolifica (su questo blog ne abbiamo parlato qui e qui). Come sarebbe stato questo Anno Unitario senza Garibaldi? Di certo assai più triste e serioso.

E che dire dell’Animo che anela a innalzare la Mente, impegnandola nei Grandi Temi della Ragione, sempre e comunque in amena letizia? Per esso Galileo fu a suo tempo come una folata d’aria a rinfrescare le sale opprimenti e stantìe dell’Accademia.
Che Il magnifico lavativo – recente e sorprendente biografia a fumetti del Nostro – sia un libriccino bello e brillantemente scorrevole non sorprenderà quindi nessuno, impegnato come sarà il lettore a ritrovarsi divertito e intrattenuto dagli irrefrenabili pupazzetti che di Tuono Pettinato sono il marchio di fabbrica.

E qui “biografia” va a braccetto con “libriccino”, perché l’autore è ancora giovane, a dispetto di produzione e maturità del talento, il che è parte integrante del piacere che le parole “Tuono Pettinato” evocano al fumettofilo che ama discernere: perché se già c’è del più che buono (e sicuramente del migliore), tantissimo di ottimo ancora arriverà.
A quando un Texone?
Chiediamolo a Tuono in persona, Venerdì 25 novembre a Bologna, presso la Libreria Giannino Stoppani, via Rizzoli 1 (info 051 227337).

PASTA FAZOOLA (“Gettate tutti gli stereotipi e uscite con le mani alzate!”)

sabato, 2 aprile 2011 - 20:00

Quello tra parentesi è un plagio dal sublime Tuono Pettinato, a cui mi rivolgo sempre per ispirazione quando resto muto per l’imbarazzo.
Come in questo caso: un bell’articolo (non firmato; peccato) sul cruciale argomento “stereotipi e fumetti”. Incidentalmente, è con questo in mente che Will Eisner ha scritto e disegnato il suo Fagin l’ebreo: un progetto didattico di adattamento a fumetti dell’Oliver Twist di Charles Dickens diventato lungo la strada una dolente e sofisticata riflessione meta-letteraria sulla persistenza del pregiudizio e sulla responsabilità culturale degli scrittori e degli artisti nella sua propagazione (a partire da Eisner stesso, che non si risparmia una parziale autocritica per certi suoi disinvolti usi giovanili di stereotipi razziali). Questo è l’articolo migliore che conosca sull’argomento, mentre qua trovate qualche altra mia considerazione, molto meno concisa.
In questo caso – la rappresentazione  del nemico italiano in un fumetto di propaganda americano del 1941 – le considerazioni sarebbero tantissime, a partire dalla chiara consapevolezza – che mi ha stupito parecchio – che gli autori hanno della distinzione tra italiani del Nord e del Sud, o perlomeno della percezione che di questa distinzione hanno gli italiani stessi (o almeno gli italiani come li percepiscono gli americani del periodo; e così via: meglio fermarci qua e rimandare gli approfondimenti del caso ai testi opportuni).
Ma per chi traduce dall’American English e, inevitabilmente, invidia la stupefacente capacità di questa lingua di trascrivere cadenze, pronunce e fonemi, non importa quanto strampalati, è imperdibile il dialogo tra questi italiani esagitatissimi e quanto mai improbabili.
Ho scritto “improbabili”?

Un po’ di Tops

sabato, 5 marzo 2011 - 17:00

Sono le tradizionali “Top 10” e “Top 3” di LoSpazioBianco (LSB per gli amici), un portale fumettistico ormai imprescindibile per chi cerca un po’ di approfondimento online (e non pensa che “approfondimento online” sia un ossimoro, avendo peraltro i suoi buoni motivi). Io sicuramente non prescindo. Non (solo) per la pigrizia (trovato qualcosa che mi piace, quando mai lo cambio?) ma per spirito di corpo: ho sempre provato simpatia, e poi solidarietà per il lavoro metodico, rigoroso ma mai serioso e sempre entusiasta della redazione di LSB, caratteristiche che si sono sempre mantenute nel tempo nonostante l’alternarsi dei collaboratori (e non a caso questo blog si fregia orgogliosamente di un apposito banner, che potete ammirare sulla fascia destra). Inoltre – ed è l’effetto e non la causa dell’entusiasmo di cui sopra – insieme a tanti bei nomi del fumetto italiano vengo invitato da anni a compilare le “Tops”, cioè i migliori dieci fumetti e le tre “menzioni speciali” per una ristampa/riproposta di opere da tempo non in catalogo usciti nell’anno precedente. I risultati del 2010 le trovate qua, complete di commenti e motivazioni dei votanti. Quest’anno evidentemente non avevo nulla da fare (peccato non essermene accorto) perché ho scritto commenti e motivazioni insostenibilmente lunghi. Spero non noiosi e – questo sì che mi farebbe piacere – condivisibili dagli appassionati di fumetto che sostengono di transitare ogni tanto da queste parti. Temo che sia una lettura davvero troppo lunga per i tempi toccata-e-fuga della consultazione di un blog, per cui i motivati duri-e-puri oltre che di seguito li possono anche scaricare da qui e da qui.

(more…)

It’s Tuono Time

martedì, 17 novembre 2009 - 01:00

Ma di un Tuono tutto ammodino, che non dispiacerebbe a quella buonanima santa di vostra zia, poverella.

Insomma, è Tuono Pettinato Time: l’ineffabile Zeitgeist Fustigator di cui abbiamo parlato l’anno scorso, nel giro di poche settimane s’infila sotto la cintura un libro e una mostra.
Il primo è Apocalypso (Coniglio Editore, 13,00 Euro) e tra momenti fondanti della cultura italiana (“PINO DANIELE! Per te è finita! Getta subito tutti gli stereotipi ed esci con le mani alzate!”) e folgoranti intuizioni lessicali (“Capitan Uncinetto”), è già un imprescindibile vademecum per tutti coloro che pensano che le persone educate ruttano in maniera intonata per non offendere l’orecchio del vicino e che per cercare di fare ritorno allo stato di natura è indispensabile una cultura enciclopedica.

La mostra è “Nam Hotel” e apre a Bologna venerdì 20 novembre alle 18:30, presso RAM Hotel (via San Valentino 1/f, info: 051 6493296 /  info@ramdesign.it).  Oltre a tavole da Apocalypso, ci trovate il nocciolo duro del progetto Bastardi da guerra, l’ennesima sfida di Tuono alla categoria stessa – non nel senso di Heidegger, ovvio – di “già visto”. Ma scusate la goliardata, ci ricomponiamo subito: il blog è uno sballo.
E anche se non vi piace potete lasciarlo di sottofondo, che è un gran bel sentire.

Unica nota stonata: nell’elegante cataloghetto approntato dai baldi  RAM-albergatori era rimasto un po’ di spazio vuoto, e l’horror vacui è una gran brutta cosa, mica per altro.
Una rapidissima seduta spiritica, giusto il tempo di appurare che Borges si nega e che Pollock è finito all’inferno a disegnare nature morte fino all’ultimo picciuolo, e sospirando rassegnato Tuono decide che non è molto importante come lo si riempie il vuoto, basta che l’horror vada via. Ed ecco qua le poche righine con cui in quattro e quattr’otto l’ho tolto dall’imbarazzo. E neppure me ne vuole.
Potenza della Super Amicizia.

“ZeroTolleranza” 3 di 5

giovedì, 12 giugno 2008 - 09:54

ODIO DISINTERESSATO di Tuono PettinatoGli altri post
ZeroTolleranza – 1 di 5
ZeroTolleranza – 2 di 5
ZeroTolleranza – 4 di 5
ZeroTolleranza – 5 di 5
ZeroTolleranza – Uscita, debutto e Cattani

Parlare di Tuono Pettinato metterebbe a dura prova il vocabolario di una persona di buona cultura (penso soprattutto agli aggettivi) e invece mi ritrovo a parlarne io. Con un tuffo all’incrocio dei pali, potrei appoggiarmi alla sua preferenza per i diminutivi e dire che fa fumetti tanto ma tanto carini. Ma – semanticamente – “carini” non è un diminutivo (e “fumetti” non è un vezzeggiativo) e uno come lui, che con Borges farebbe le gare di rutti, queste cose le nota. Insomma, è dura. (more…)


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: