Posts Tagged ‘Gianluigi Filippelli’

LUCCA COMICS AND SCIENCE 2012 – THE AFTERMATH

lunedì, 19 novembre 2012 - 14:06

La faccio breve e linko solo questo intervento sull’oggetto del post, il mio giocattolone preferito di quest’anno, che Gianluigi Filippelli ha scritto per LoSpazioBianco (ultimo solo in ordine di tempo e tra i primissimi posti per documentazione e spazio che riserva all’argomento; c’è anche un’intervista a Roberto Natalini, mio complice nella produzione del giocattolone suddetto).

Annunci

LUCCA 2012 – Lucca Comics and Science[6]

mercoledì, 17 ottobre 2012 - 09:00

Gianluigi Filippelli è infaticabile, uno dei blogger (non solo) scientifici più produttivi. E siccome è anche  un disneyano all’ultimo stadio (non c’è più nulla da fare: siamo in fase conclamata e irreversibile) le contaminazioni tra fisica, astrofisica, cosmologia e (soprattutto) paperi non mancano.
Decisamente, è stato facile: arruolato d’ufficio a Lucca Comics and Science.

LUCCA 2012 – Lucca Comics and Science[3]

mercoledì, 10 ottobre 2012 - 12:43

Nel breve ciclo di incontri di LUCCA COMICS AND SCIENCE Gianluigi Filippelli è presente due volte su tre, e un motivo ci sarà.
Anche più d’uno se è per questo, ma non starò a dirveli io: venite a sentire con le vostre orecchie, magari dopo una capatina sul suo blog.

Carnevale della Matematica

venerdì, 11 giugno 2010 - 23:00

Si tratta di una notevole iniziativa, a cui temo che non troverò presto il tempo – mentale, soprattutto – di partecipare veramente (cioè scrivendo su qualche idea o argomento di matematica minimamente miei) e a cui mi ha gentilmente invitato Gianluigi Filippelli, blogger scientifico attivissimo e fumettofilo entusiasta.

Sinceramente, quello che mi manca un po’ è scrivere matematica, anche nel senso passivo e non originale di tenere lontana la ruggine con qualche calcolo, di riprendere formule e idee di altri o di vedere se qualche must ineludibile è ancora lì, ostinatamente aggrappato ai neuroni ancora in attività (come il Teorema di Cantor, che ogni tanto, nelle mie serate di relax con gli amici, tra sguardi preoccupati mi ritrovo a scarabocchiare sui tovaglioli di carta). E in realtà scrivendo matematica è difficile essere totalmente passivi: anche con poche, minime nozioni su ciò che si scrive è quasi impossibile ricopiare a pappagallo o trascrivere interamente a memoria. Nella testa si mette sempre in moto qualcosa e in caso contrario si ferma anche la mano, e si resta a fissare il foglio e quello che si è scritto cercando di capire come andare avanti (ma divago, e chissà se mi sono spiegato).

Gianluigi è stato gentile, sollecito e soprattutto si è ricordato di ricordarmelo: potevo fare di meno? Certo, ma non sarebbe stato bello e ci siamo accordati per una cosa davvero piccola piccola, che dire di no sarebbe stato meschino: parlerò di un’esperienza recente, una lezione di matematica per fumettisti. Che detto così non vuol dire niente, se non che la lezione – di matematica, questo sì – si è tenuta in un ambiente affollato di fumettisti e durante un festival di fumetto.

E a questo punto siete avvertiti e potete anche continuare. (more…)


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: